I vini di Genova.

GenovaNell’autunno del 1975 Mario Soldati compie l’ultima tratta del suo giro per l’Italia, viaggio iniziato nel 1968 e proseguito nel 1973, alla ricerca di vini genuini e così, dopo aver solcato i meravigliosi nettari del Levante, capita in quella Genova deturpata, ma di tanta grandezza e civiltà che non si può lasciare così, senza dire nulla dei suoi vini. Ed allora va di proposito alla trattoria di Checu, il padrone che è anche il cuoco, soprannominato dai foresti in senso spregiativo “Toro”, in via Demarinis, a Genova Sampierdarena per bere il vino di Begato, proprio quello, dell’omonimo Forte: “bianco, lieve, delizioso, meno aspretto e meno chiaro del Coronata, ma più scivolante e più profumato(…) E, all’orecchio di Remo Borzini, che mi è accanto, mormoro la felice definizione, ch’egli ebbe un giorno a dare di questi genovesi, isole resistenti se altri mai: ‘L’aristocrazia degli umili’.[1]” Già in un’operetta del 1770 attribuita a Girolamo Gnecco, conte di Nervi, ci si lamentava che “la cognizione forse anche esagerata della mediocrità de nostri prodotti e della nostra agricoltura: quanto la passion forse troppo eccedente per lo commercio, e per li vantaggi, che da esso ritraggonsi hanno certamente allontanato un buon numero di persone dalla ricerca di quelli, che può somminìstrar l’agricoltura. (…) Ella è una verità incontrastabile che, se le arti, e il commercio si stabiliscono a danno dell’agricoltura o per qualunque altro motivo si distraggono quelle ricchezze che sono necessarie alla buona coltivazione e al miglioramento de’ fondi; questi vanno sempre più degradando, e non riportano que’ maggiori profitti che se ne posson ritrarre. Dello spender ne fondi (mezzo vantaggiosissimo all’agricoltura) non posson far uso i poveri agricoltori unicamente occupati a cavarne il proprio sostentamento, e solamente può impiegarvi danaro il Proprietario, dal quale assai comunemente viene ad altro oggetto rivolto. La terra non dà ricchezze se non in proporzione di quelle, che le sono confidare non moltiplica il frutto fuorchè in ragione del travaglio, e della spesa[2].” Insomma, sembra di sentir parlare dell’oggi: gli investimenti agrari costano cari, i padroni rivolgono le loro attenzioni ad altre attività maggiormente remunerative dal punto di vista finanziario (arti, commercio…), mentre i poveracci non possono fare investimenti perché tutto ciò che guadagnano va a sostentamento della sopravvivenza. Genova era, per chiunque vi fosse approdato dall’anno 1000 in avanti, piena di vigneti: tutta la fascia costiera era vitata, da Sampierdarena ad Albaro, e di particolare bellezza e specializzazione, a danno del prevalente ulivo, era la collina di Carignano: “All’altro capo della città la collina di Carignano sembra invece caratterizzata da una precoce specializzazione viticola. Si veda per esempio, in un documento dell’anno 1000, la permuta di terre fra l’abate di S. Stefano e due cittadini genovesi riguardante cinque appezzamenti siti in Carignano, di cui quattro definiti cum vinea et alios arbores fructiferos e uno cum vinea et alios arbores fructiferos et olivectis e altri documenti coevi con ulteriori indicazioni, sempre in Carignano, di vigne o di coltura promiscua a base viticola. Dato che abbiamo nominato 1’abbazia benedettina di S. Stefano possiamo aggiungere che se sulle sue terre non risulta assente l’ulivo, tuttavia i più antichi contratti ad pastinandum[3] concernenti terre del monastero non prevedono esplicitamente piantagioni di ulivi ma soprattutto di viti e di castagni. L’area suburbana genovese sembra, a cominciare dal XIII secolo, andare assumendo il suo peculiare paesaggio: accanto ai numerosi insediamenti ecclesiastici e monastici, sui quali esiste una abbondante documentazione, cominciano a sorgere le «ville» dei cittadini e l’agricoltura va precocemente modellandosi sulle esigenze del mercato cittadino, come dimostra anche la formazione dell’area orticola della piana del Bisagno[4].” Ed è proprio nella Val Bisagno che la curia vescovile ha il centro dei suoi interessi agricoli ed in particolare quelli legati alla coltivazione della vite ed alla produzione di vino[5], in particolare nelle zone di san Siro di Stroppa e di Montecignano. Dall’altra parte la val Pozzevera vanta i vini della Costa di Rivarolo e di Coronata: “Il Bertolotti (Viaggio nella Liguria Marittima, 1834) con la sua abituale enfasi accenna ai vigneti di Val Polcevera ‘con indicibile studio tenuti’ per affermare poi: ‘La valle della Polcevera è la Tempe moderna. Se i suoi vini e i suoi olj corrispondessero in bontà  alla singolare diligenza e vaghezza della sua coltivazione, ed alla magnificenza delle due ville, ella sarebbe più ricca che l’aurifera Valle di Cusco’[6].” Vino-Coronata-1Le uve, tutte bianche, della Valpolcevera sono: Rollo, Vermentino, Bosco, Trebbbiano, Bianchetta. Oggi rimane solo una piccolissima produzione del vino di Coronata[7] che così Francesco Mazzoli descriveva: “Ne risulta un ‘bianco’ dal colore paglierino tendente al freddo, profumato di bosco. Gusto secco, asciutto ed allegro[8], con finale gradevolmente amarognolo e cosa allappantina. Talvolta sa di zolfo: dovuto a terreni nei quali detto minerale ha una consistente presenza. Ma tale sapore lo si toglie quasi del tutto con pazienti e tante travasature. I pigri però lasciano perdere: dicendo che è il gusto peculiare di Coronata…[9]

[1] Mario Soldati, Vino al vino. Alla ricerca dei vini genuini, Mondadori, Milano 2006 (ed originale 1977),  pp. 606,607,609
[2] Riflessioni sopra l’agricoltura del Genovesato co’ mezzi propri a miglîorarla e a toglierne gli abusi e vizj inveterati. Operetta dedicata a sua eccellenza il signor Marchese di Grimaldi, Stamperia Gesiniana, Genova MDCCLXX  (pp. XX, XXI)
[3] Con questo tipo di patto il “pastinatore” (letteralmente aratore, cioè il conduttore), decorso un periodo di mediamente sette anni dalla stipula del contratto, acquisiva la proprietà piena di metà del terreno coltivato A seconda delle colture: per la vigna era ad esempio di 12 anni. Si veda B. Andreolli, Contratti agrari e trasformazione dell’ambiente, in Uomo e ambiente nel Mezzogiorno Normanno-Svevo, per Atti VIII giornate normanno-sveve, Bari 1987 da wikipedia
[4] Atti della Società Ligure di storia Patria, Nuova Serie XII – (LXVIII) in http://www.storiapatriagenova.it/docs/biblioteca_digitale/ASLi_ns/ASLi_ns_12_2.txt
[5] Cfr. Piero Raimondi, Vini di Liguria, Sagep Editrice, Genova 1976, in particolare pp. 75 -83.
[6] Ibidem, pp. 80, 81
[7] Cfr. Ludovica Schiaroli, I vini dei genovesi, in http://www.aisliguria.it/editoriale.php?ID=156
[8] Qui l’ispiratore è Sbarbaro ne i ‘Trucioli’ (1920) che lo descrive come ‘vinetto rallegrante’.
[9] Francesco Mazzoli in Giannetto Beniscelli, La Liguria del buon vino, Editore Siag, Genova pp. 290, 291
Annunci

I vini di Torino.

vecchia torinoAdesso la vedo così: dal basso verso l’alto, in senso geografico s’intende; dal mare e da una città che così diversa non poteva essere: Genova. Sì perché da qui cambia tutto, anche la pioggia: ero abituato ad averla fitta, ma perpendicolare al terreno così come le strade sono perpendicolari tra di loro. Qui invece ti arriva di fianco, ti spazza le gambe e ti spezza l’ombrello. Ma poi viene il sole, l’aria salmastra e quella luce che ti scalda il cuore. Non sono andato via da Torino perché non mi piaceva: ci sono nato, cresciuto,vissuto e sperimentato per trent’anni. E’ la mia città. Certo che ho visto tante Torino: quasi più di una per decennio, a partire dagli anni ’70. Via via che cambiavo lo sguardo. C’è una parte però della mia città che ho sempre conosciuto poco: la collina, al di là dal Po. Ci andavo qualche volta d’estate, nei parchi, per separarmi dall’afa e dalle zanzare. Il Po divide la città dalla sua collina: come in tutte le separazioni geografiche essa non rimanda solo ad una cesura fisica, ma anche mentale, simbolica e, naturalmente, sociale. E’ quella parte della città dove hanno sempre vissuto i ricchi, quelli che cercano la disgiunzione corporea e psichica dal resto della città; perché poi ci sono quelli che, al contrario, in città ci dimorano. Dal XVI secolo la collina era soprattutto rifugio dalla calura estiva, villeggiatura per nobili, notabili, mercanti, commercianti: vecchia nobiltà e nuove borghesie facevano a gara per acquistare o farsi costruire la ‘Vigna[1]’, così chiamata la casa di campagna, segnando l’ascesa e il declino non solo dei destini personali, ma anche di intere classi sociali e delle loro nuove fortune. In collina dimoravano i soldi della città[2]. moleEd è di quella collina (Montagna si diceva, anche se non saliva oltre i 400 m. s.l.m.), alla sinistra del Po, e delle sue vigne che Gio. Battista Croce, gioielliere di casa reale nonché produttore in proprio di vino e possessore della vigna di Candia, nella zona antica conosciuta come Monveglio o Montevecchio, ai piedi della Val Salice, nel 1606, descrisse le uve ed i vini[3]: la miglior uva bianca della collina Torinese era, secondo Croce, il Moscatello bianco, che andava immediatamente portato al torchio, pigiato coi piedi e infine raccolto il succo. La restante uva veniva torchiata, messa nei bottali e lasciata fermentare. Quando il livello scendeva veniva rabboccata con vino simile in modo da potere pulire agevolmente la superficie con una spatola di legno. Come il Moscatello bianco anche la Malvagia era un’uva da vini secchi. Al contrario l’Erbalus, la Vernaccia, il Nebiol bianco e il Cascarolo producevano vini dolci. Il Nebiol, dal raspo verde e gli acini piccoli e tondi, spesso ricoperti di nebbiosa pruina mattutina era la regina delle uve nere, a cui seguono il Mostoso, il Rossetto, il Cario, la Grisa maggior ed il Neretto. Il Cario, per la prima volta menzionato in questo scritto di Croce, corrisponde all’uva Cari che poi è  l’uva Pelaverga di Saluzzo o Pelaverga di Pagno (Val Bronda), diffuso anche nella zona del Chierese, da non confondersi con il Pelaverga piccolo dei dintorni di Verduno, che è un altro vitigno, né con il Peilavert canavesano e biellese (colline di Salussola e Cavaglià), che corrisponde al Neretto duro. Gio. Battista Croce descrisse dei vini e del modo di farli, del delicatissimo vino Griso ‘vago di colore e delicatissimo al gusto’, della Sostratta (Mère-goutte francese, ovvero il mosto ottenuto dalla premitura delle uve nel tino prima di essere passate sotto torchio), dei modaioli chiaretti, dei vini craticulati (pigiati sotto graticole di ferro), dei vini di paglia, quelli dolci, tra cui spiccava il vin Tortu fatto con uve stramature lasciate sui tralci che venivano torti in modo da non portare più nutrimento al frutto, del miglioramento dei vini di Agostino Gallo[4], delle crespie (vini frizzanti dolci ottenuti per rifermentazione, che facevano increspare le ciglia) e per finire dei vini chiappati, quelli insomma annacquati, meno nobili, ma con una grande storia alle spalle.


[1] La struttura delle Vigna comprendeva una villa padronale, un’abitazione rustica, dove abitava il contadino, detto ‘vignolante’, addetto al fondo agricolo, solitamente composto da un vigneto, da un giardino, dall’orto, da alberi da frutta. A volte la villa era dotata anche di una cappella privata. Si rendeva ‘necessario’ per il pieno godimento della villa avere una produzione propria del vino tutto l’anno, vino che, godeva di esenzione fiscale per il proprio ingresso nella città di Torino.
[2] Ad introdurre la moda della dimora estiva sulla collina vi furono a metà 500 vi furono Filiberto Pingone, barone di Clusy e la famiglia degli Antiochia Cfr. Elena Rossi Gribaudi, Vigne e ville della collina torinese (rist. anast.), Gribaudi, Torino 1992
[3] Della eccellenza e diversità de i vini che nella Montagna di Torino si fanno; E del modo di farli. Nuovamente posto in luce, e dedicato a Sua altezza Serenissima da Gio. Battista Croce suo gioielliere, per Aluigi Pizzamiglio, Torino 1606, ora ristampato per l’Artistica Savigliano, Consiglio regionale del Piemonte, Torino 2008.
[4] Esperto agronomo, scrittore, letterato e appassionato di archeologia. Come scrittore egli compose, in un primo tempo, le “Dieci giornate della vera agricoltura e piaceri della villa”, opera in forma di dialogo pubblicata nel 1564. Più tardi, a Venezia ristampò il suo libro, completandolo con l’aggiunta di altre tre giornate ed infine nel 1569 presentò definitivamente la sua opera letteraria, accresciuta di sette giornate, con il titolo “Le vinti giornate dell’agricoltura e de’ piaceri della villa”.

Quattro salti seguiti da un passo (la campana). Racconto breve di Luca Dresda

apnea-lanzaroteI primi quattro passi vanno a segno, poi un’improvvisa distrazione lo fa esitare. Tra testa e gambe s’interrompe il collegamento. Il piede si alza ma lui sa già che sbaglierà l’atterraggio. Non si ferma neppure a guardare quale sia stata la causa. Quando torna indietro per ripartire dal dissuasore, è più determinato che mai a farcela. Prende un respiro profondo. Lo trattiene quei cinque secondi che servono a riequilibrare ogni aritmia, espira lentamente e accompagna lo svuotamento con il movimento delle mani, come se spingesse verso il basso una tavoletta che galleggia sull’acqua di una piscina. E ‘piscina’ è una di quelle parole che aprono dei varchi nei suoi ricordi. Il luogo dov’è cresciuto, ha passato con tensione l’apprensione degli istruttori che vogliono scremare i tordi dai forti fin da subito, a cinque o sei anni. Usando mezzi bastardi. È passato dal nuoto alla pallanuoto. Si è corroso le prime vie aeree col cloro fino a non potersi più avvicinare a una piscina. Ma vuol dire anche nuoto. Nuotare. Percorrere chilometri con la testa in acqua, in questo limbo, nella protezione e nella culla delle piccole onde frastagliate che si formano tra corsia e corsia, rifratte dalle separazioni in lattice. Significa una corsa contro il tempo che in mare si fa distacco e solitudine. Vuol dire morbidezza e polmoni che si spalancano e pompano sempre più energia. Ma è solo un ricordo adesso. E lo richiude per ripartire.

Le coppiette e i bambini sono già sistemati nella pineta dei Borghese con i plaid e l’armamentario per finire frastornati dal cibo, faccia in su, a guardare i profili delle chiome dei pini di Roma. Il sole si fa attendere guardingo. Lecca le chiome dei sempreverdi accennando a una sinfonia primaverile che sembra tentennare. Villa_borghese_pineta_02Il buffet si riempie gradualmente di pizzette, panini, cous cous vegetariani, insalate miste, altre pizzette, panini all’olio immersi nella maionese, bibite, vino bio, birre, acqua, tabulè, fave e pecorino, insalate veg, posate riciclabili accanto a piatti di plastica, così come il prosciutto e le torte vegane, yin e yang di un pomeriggio da passare in comunità. C’è armonia. I bambini non si accalcano al buffet come di norma. Forse vogliono risparmiarsi per il dolce, la grande torta per festeggiare 4 compleanni. I genitori sono tutto un sorriso. Racconti sull’anno scolastico che sta terminando, sui progetti per l’estate che da quando ci sono i figli tendono a ripetersi, soprattutto quando hanno trovato un equilibrio armonico; la bocca si muove e per il momento ogni gruppo si tiene un suo spazio vitale separato. Ma durerà poco. Molto presto sarà tutto un brindisi e un comporsi e scomporsi di sottogruppi con gli stessi centri e le stesse battute di sempre.

C’è un semaforo intelligente che separa il viale alberato concepito in epoca fascista per tagliare in due il quadrante nord-est della città dal piccolo vicolo privato che molti scelgono come scorciatoia per attraversare la villa comunale senza doverla aggirare tutta. L’intelligenza sta nel non cambiare quasi mai colore. Pochi l’hanno visto passare dal verde al rosso passando per il giallo. Keat un giorno ci si era messo d’impegno, ma era stato sfortunato. Tutta colpa della sentenza della Consulta. I favoritismi non vengono più fermati dai colleghi politici, a fermare le leggi ad personam ci deve pensare una giustizia che affoga nell’improbabile mare magnum di possibili indagini da istituire. Il politico ha cambiato casa, ma il semaforo se ne resta lì, inutilizzato. Dimenticato come un vecchio gioiello di famiglia troppo ingombrante e pacchiano. Con i suoi due colori potenziali e un’intelligenza inservibile. Che verrebbe voglia di espatriare e lasciare per sempre questa valle d’indifferenza.

Il passo doveva essere fluido e partire già mirando il sanpietrone su cui planare, senza toccare i margini e uscire nell’interstizio tra i due bordi adiacenti. Era tutto un fatto di alluce, che guidava il piede e trascinava la gamba avendo in sé già la proiezione del punto di approdo. Partito il movimento, l’occhio doveva già spostarsi al riquadro successivo. Inviare l’immagine con il calcolo della distanza all’altro alluce-piede-gamba. Uno, swish, pam. Due, swish, pam. Fluidità e continuità. Era al terzo. Poteva già essere sicuro che avrebbe eguagliato il record precedente. La strada per coprire i 5 metri di selciato prima dello sterrato era lunga, ma tutto iniziava con il primo passo. Passo dopo passo, così aveva detto Splinter. Anzi, un passo alla volta. E qui si stagliò davanti a lui la figura di sua zia. Anzi, della zia della madre. La centenaria siciliana che aveva sposato un professore d’arte e disegno di Fano.

Il primo Spritz era già stato scolato senza pensarci su due volte. Era seguita una serie incalcolabile di variazioni sul tema che facevano già barcollare più di un padre, mentre i figli scalpitavano per la partitella a calcio tra i tronchi bitorzoluti dei pini. I bicchieri leggermente arrossati dal campari brillavano di luce solare riflessa, i cubetti di ghiaccio in continua mutazione, scheggiati e mezzi sciolti. Bombi e vespe volteggiavano attorno al piccolo accampamento attirati dai colori e dagli zuccheri in eccesso. Fotografie isotopiche con facce e raggruppamenti diversi. Urletti delle bambine. Un pallone sfoderato prima della cartucciera per cocktail e della stoviglieria. Qualche mamma troppo bella per la sua età e altre su cui il peso della maternità non riusciva a fluire via. Mariti collaboranti, appresso a marmocchi in esplorazione e con in braccio i nuovi arrivati. Un mare di plaid di una lana arroventata dal sole. L’aria di una convivenza pacifica spesso dimenticata.
mercatoIn un anfratto tra i banchetti di frutta e verdura e il semenzaio, a piazza Vittorio, vive una piccola comunità di ratti che spesso vengono allontanati dai tentativi propagandistici dell’amministrazione pubblica di ripulire la città dalle bestie non apprezzate dagli elettori moderati. Sono romani da generazioni. Un avo pare abbia fatto sobbalzare di terrore la governante del gaetanino durante l’edificazione della piazza e la contemporanea proclamazione dell’impero tedesco nella galleria degli specchi a versailles. Un’apparizione di stampo irredentista che non ottenne alcun risultato. La città neocapitale ebbe la sua piazza kochiana e i ratti vennero cacciati brutalmente con metodi che anche i moderni guerrieri sunniti avrebbero ritenuto sopra le righe. All’alba del giorno dopo, però, sui resti della loro tana, nello stesso punto di prima, tra le radici di un frassino e il canale di scorrimento delle acque reflue dei palazzi nuovi di zecca che parevano sculture di ghiaccio, già i pochi superstiti della famiglia cominciavano a ricostruire un antro abitabile. E così via.

Al terzo salto, o passo lungo, un ramoscello fa scivolare il piede destro fuori dai margini del blocco di leucitite. Keat sgrana gli occhi. Resta qualche istante fermo, quasi senza respirare. In fondo al vialetto sterrato, all’interno della villa, può intravedere qualcuno e qualcosa. Immagina un sorriso di piacere e forse uno sguardo che lo cerca. È già l’una e mezzo. Il pranzo deve essere al suo culmine. Immagina i brindisi, le battute, i tanti strilli dei bambini e la mandibola sempre in piena azione. Forse è un bene che non sia già arrivato. Per il suo fegato, il suo stomaco, per la sua ansia di prestazione, pensa. Per la paura che lo prende da qualche tempo ad affrontare una tavola imbandita. Per una proibizione che parte da un luogo nascosto da anni, da quando ha memoria. È ancora in tempo per godersi la giornata superando l’assalto al buffet. Ma ora deve tornare all’inizio del selciato e ricominciare di nuovo. Deve capire qual è stato il suo sbaglio. O tutti gli sbagli. Cosa lo ha portato lì. A essere la persona che ora si attarda in una prestazione obbligatoria a poche centinaia di passi dal ritrovo dei suoi vecchi amici.

Non passa momento senza che una mano afferri la bottiglia e la inclini su un bicchiere. Brindisi seri si alternano a giochi di parole e risate lievemente sopra le righe. Strano che le bottiglie non siano già tutte vuote. Ma ora è il momento dello scioglietelerighe. L’organizzazione ha avuto successo. Sono apparsi i dolci, la grande torta ricoperta di panna per festeggiare il compleanno multiplo e le candeline per il rituale più importante, fotografato e ormai dato sempre più per scontato in ogni festeggiamento. Qualche perlustrazione, giochi non ortodossi, un sonno incipiente, l’ombra che ha sorpassato il mare di plaid e si allunga verso la casupola del cinema lì vicino. Sorrisi audaci di padri a madri di figli altrui, una coltre di indolenza soddisfatta. E il pallone che sembra non fermarsi mai dal momento in cui viene sfoderato. Qui e là i soliti autoscatti con sorrisi di forma, tentativi di coprire le rughe, i gonfiori, qualche ciocca fuori posto. Ma gli amici si sono ancora una volta fusi, sono immersi nelle loro intimità, nel loro gergo costruito negli anni. Hanno costruito un altro pilastro del loro lungo rapporto. Cincin dopo cincin, si sono portati via la prima parte del pomeriggio. I plaid sono scarmigliati, qui e là qualche sagoma distesa un po’ sbilenca. Un cane lecca il muso del padrone. Più in segno di godimento che per chiedergli di saltare in piedi e tirargli un osso o qualcosa che gli assomigli. Il sole si è conquistato il suo spazio vitale e penetra in ogni fessura tra i rami e il fogliame, addolcendo una stagione che ancora non è partita con decisione. Si direbbe la proverbiale giornata da incorniciare. Manca solo Keat. E ormai nessuno si domanda il perché. Sono abituati a saperlo indeciso. Forse in difficoltà. Ma che importa se non ci si vede mai? Quale solidarietà si può dare a chi esce per sua scelta dalla tua sfera d’influenza?

I tanti strati di asfalto uno sull’altro avevano ridotto a uno strano passaggio seminterrato i minuscoli salvagente di via de’ Festaroli. La stradina era troppo stretta per farci passare il mostro che gratta via il manto stradale e, nel tempo, ci si era quasi dimenticati di guardarsi attorno per notare le differenze, i cambiamenti che fanno del mondo quell’invaso entropico che ci costringe a una continua manutenzione. E le toppe e i piccoli aggiustamenti del manto stradale, miracolosamente percorso da macchine di ogni cilindrata a una velocità spesso che faceva pensare a un autodromo più che a un vicolo centrale a gomito, avevano avuto un effetto innaturale. In origine, più che un marciapiede, era un pianale in marmo, tipico di alcune costruzioni tardo medioevali e rinascimentali, in cui per facilitare la pulizia e dare un aspetto più ordinato all’edificio si applicavano alcune lastre di marmo spesse fino a 15 centimetri e profonde 50, davanti alla facciata, più spesso nelle case di signori meno facoltosi, solo davanti l’ingresso. Le iscrizioni poi, facevano un largo uso della fantasia più raffinata. Le citazioni della Bibbia di stampo apotropaico o devozionale erano state sostituite da omaggi più o meno profani alla famiglia proprietaria dell’immobile, fino a vere e proprie pasquinate in due versetti rimati, che invocavano la clemenza della natura e dei governanti su quella proprietà sudata o che fissavano il momento della sua inaugurazione invocando il santo del giorno accompagnate dalla tipica firma con mani e piedi del nobile di turno poi ripresa dalla Walk of Fame. Ora quelle lastre, pensate per sovrastare di qualche centimetro il manto terroso della strada, erano diventate gradoni dai quali si accedeva alle case. Il che era un problema di un certo rilievo durante le grandi piogge di mezza stagione. Risolto in modo salomonico dall’amministrazione trovando alloggio altrove agli inquilini del piano terra. Di solito i portieri o gli ex custodi. Per questo, quegli appartamenti spesso abbandonati e in cui raramente venivano scoperti animali o esseri umani selvatici vengono ancora oggi chiamati peschiere.

Si era accoccolato per cercare la concentrazione. Poi si era lasciato andare. Prima a sedere poi su un fianco, rannicchiato come un feto, sul selciato che divideva la strada dal parco e lui dagli amici che non vedeva da tempo ormai. Sembrava la volta buona, anche l’ultima. Ma il piede destro lo aveva tradito prendendo una strana deviazione, un effetto di un sospiro di fronte all’ennesima immagine. Quante volte era stato così, per terra, su una branda, nel suo letto, su una panchina. Ovunque si trovasse, anche sul bordo di una pista nera, in montagna. Con quella fitta lancinante, quel pugno infilato nel ventre che gli afferrava le budella e gli tirava le membra impedendogli di stare eretto se non sopportando un dolore lancinante, il dolore bolla, questa cappa avvolgente onnicomprensiva. Era sotto il Monte Bianco quel febbraio. Mancavano pochi giorni al suo compleanno ed era un martedì grasso o forse un giovedì grasso. Le piste erano affollatissime. Le file agli impianti di risalita strazianti. Quanto poco duravano le discese, avevano pensato i due fratelli. E la soluzione era sempre quella: allontanarsi dalle piste facili, e fare quelle per sciatori esperti, o i percorsi in neve fresca, in quelle piste che raramente venivano battute, perché meno convenienti. La delizia dello sciare sul morbido. Del disegno sulla coltre di panna. Di quella sinusoide che assomiglia a un tratto di un pennello o di uno scalpello sapiente. E quelle macchie sporche, le cadute, perché chi non è abituato all’andatura da Armstrong sulla Luna non riesce a trovare il ritmo esatto e batte facilmente un tempo sincopato ritrovandosi sommerso dalla neve, che interrompevano il flusso. Ma l’immagine s’infrange su una colica molto diversa dalle altre. Un muro che si alza improvviso e che impedisce di vedere o sentire altro se non la presa agghiacciante all’intestino, il pugno che gira, torce, stira il colon fino a quasi squartare il bambino da dentro. Una crisi che richiama l’attenzione. Che fa chiamare il soccorso e che rompe il legame fraterno sulle piste di sci. Il duo che affronta tutti muri e le pareti quasi impossibili, spalla a spalla. Una crisi che scompare quasi per magia una volta che il piccolo ragazzo troppo fragile viene coricato sull’eliambulanza. E vorrebbe scendere. Si vergogna un po’ di tutta quest’attenzione per qualcosa che poi finisce d’improvviso senza lasciare strascichi. Che già una volta era passato per i vari esami endoscopici o esoscopici e aveva visto le espressioni perplesse dei medici di fronte a una manifestazione puramente psicologica. Quella difficoltà a capire la forza della mente che non sta scritta sui libri di testo. Ed è in quella posizione che si ritrova risvegliatosi dai pensamenti. Prima di rialzarsi, notare il sole che sta declinando verso ovest e avviarsi a fare un ennesimo tentativo.

le foto: apnealanzarote; pineta villa Borghese wiki commons; italiafoodandsoul

Il naso nel bicchiere e i piedi fra le nuvole. Sull’antica diatriba tra natura e cultura.

gdp-bambini04.jpg (361×269)

Uno dei motivi, concettualmente rilevante, di opposizione al termine ‘naturale’ collegato al vino è che tale aggettivazione costituirebbe una sorta di ossimoro[1]: la contestazione di fondo sarebbe quella dell’impossibilità di accostare una parola che rimanda direttamente una costante non artificiale (natura) ad un’altra, il vino, che rinvia, a sua volta, ad un processo di trasformazione artefatto (cultura). Il motivo di questa contestazione, lungi dall’essere banale, obbliga ad immergersi in almeno 400 anni di dibattito che ha visto scienziati, letterati, antropologi, sociologi, storici e filosofi discutere animatamente su entrambi i concetti e sulla loro sostanziale incompatibilità oppure, al contrario, sulla loro potenziale convergenza. Il termine natura, che dai latini viene  tramandato sino a noi, ha a che fare con le idee di  nascita (nasci) e di crescita, che trovano nel corrispettivo etimologico greco di natura (φύσις, -εως), il comune significato di genesi. Per avvicinarsi a noi, all’approssimazione polisemica che ha avuto il termine natura, dobbiamo fare riferimento alle rivoluzioni scientifiche seicentesche prima e alla partizione settecentesca, di formazione pre-romantica che trova sponda in Herder e nella filosofia tedesca. Nel Seicento, appunto, in tutta la tradizione che va da Francis Bacon, che passa da Galileo Galilei e che approda a René Descartes, la natura assume una rilevanza epistemologica senza pari, ovvero si colloca in quel luogo delle relazioni ordinate, fatte di leggi rigorose e stabili, al contrario della società e delle sua storia costruite su leggi imprevedibili, instabilità, incertezze… Bisognerà aspettare Johann Gottfried Herder, in una delle sue opere più famose, Ideen zur Philosophie der Geschichte der Menschheit  (Idee per la filosofia della storia dell’umanità 1784 – 1791) perché si inizi a parlare di differenziazione tra il concetto di natura e quello di cultura, e quindi di rivalutazione di quest’ultimo, ma a partire da una sostanziale continuità storica e ontologica tra ciò che i due termini designano. Per Herder la differenziazione della cultura dalla natura avviene progressivamente per differenziazione. “Per quel che riguarda la storia naturale esiste un prototipo, una forma originaria fondamentale, che si ripresenta in tutte le tappe dello sviluppo dei corpi: i diversi fenomeni naturali (inorganici, organici, animali) non sono che complicazioni sempre maggiori di quell’unico prototipo, in modo che le diverse specie vegetali e animali possano essere collocate su un’unica scala evolutiva che culmina nel corpo umano[2].” L’analisi herderiana di natura e di cultura è fortemente ancorata ad un’idea biblica, trascendente, della natura umana, anche se non mancano accenni evoluzionistici, connessi a  successive specializzazioni, che porteranno l’uomo ad acquisire i caratteri di differenziazione dalle altre specie animali: il linguaggio e la ragione. Soltanto un secolo più tardi, attraverso gli studi sul mito condotti dall’antropologo inglese Edward Burnett Taylor, si giunge ad una secca separazione tra natura e cultura, alla quale si fa afferire il complesso di attività umane acquisite all’interno della società: “Cultura o civiltà, intesa nel suo ampio senso etnografico, è quell’insieme complesso che include le conoscenze, le credenze, l’arte, la morale, il diritto, il costume e qualunque altra capacità e abitudine acquisita dall’uomo in quanto membro di una società” (La cultura primitiva, 1871) L’attenzione degli studi successivi sulla cultura come fenomeno autonomo si concentreranno, a partire dal filosofo tedesco Ernst Cassirer, sull’elemento peculiare della produzione umana, che consisterebbe nella capacità di produrre di simboli, al contrario degli animali che sarebbero in grado di generare solamente dei segni. rurali torino2Il simbolo è dunque “il complesso di quei fenomeni in cui si presenta in genere una qualsiasi realizzazione significativa del sensibile, in cui un elemento del suo esistere e del suo esser-così si presenta al tempo stesso come differenziazione e materializzazione, come manifestazione e incarnazione di un significato[3].” E il vino non da meno: “a dire il vero, come ogni totem vitale, il vino sorregge una mitologia svariata che non si preoccupa delle contraddizioni. Questa sostanza galvanica è sempre considerata, per esempio, come il dissetante più efficace, o, almeno la sete funge da primo alibi alla sua consumazione (‘che sete’). Nella sua forma rossa, come vecchissima ipostasi ha il sangue, il liquido denso e vitale. È che in effetti poco importa la sua forma umorale; prima di tutto è una sostanza di conversione, capace di rovesciare situazioni e condizioni, di estrarre dagli oggetti il loro contrario; di fare, per esempio, di un debole un forte, di un silenzioso un chiacchierone; donde la sua vecchia eredità alchemica, il suo potere filosofale di trasmutazione o di creazione ex nihilo (…)[4].” Ancora oggi si dibatte sulla natura simbolica dell’agire umano, senza però arrivare ad un unanime consenso[5]. Dall’altra parte, una non piccola parte di filosofi e di epistemologi, nell’arco degli ultimi trent’anni, si è prodigata nel mettere in discussione la forma del pensiero scientifico da cui, a seguire, la controversia degli stessi concetti utilizzati per spiegare e per dimostrare le diverse teorie scientifiche. Con Khun[6], per la prima volta nel 1962, si parla di paradigmi scientifici, cioè di schemi mentali che guidano e orientano la ricerca scientifica: questi schemi, al contrario del sentire comune prevalente, sono molto vicini alle discipline umanistiche da cui deriverebbe la loro frequente fallacia e la precoce decadenza: “Con la nozione kuhniana di paradigma si è fatta strada nell’epistemologia del secondo Novecento l’idea che anche la scienza naturale sia un fatto di cultura: tra l’occhio ‘puro’ dello scienziato e le strutture oggettive della realtà che egli indaga, o pretende di indagare, con atteggiamento libero (secondo una visione ‘a-culturale’ o ‘pre-culturale’ della scienza), si inserisce un’altra realtà, quella delle varie comunità scientifiche con i loro presupposti non sempre dichiarati, i loro pregiudizi, le loro tradizioni più o meno imponenti e autorevoli, i loro ‘costumi mentali’, in definitiva con la loro ‘cultura’ (in senso inequivocabilmente antropologico)[7].” Quello che alcuni studiosi sosterranno di qui in avanti è che la priorità biologica della cultura è una possibilità comportamentale che appartiene anche ad altri esseri viventi non umani: è ciò che, insomma, non viene predeterminato geneticamente dalle leggi dell’ereditarietà. rurali torinoIn altri termini ancora, “affinché la definizione del comportamento culturale non rimanga nel vago e non sia data solo in termini negativi, John T. Bonner ha proceduto a una riformulazione indubbiamente efficace e significativa. Egli propone infatti di tradurre l’opposizione innato/culturale nella distinzione tra comportamenti ‘con risposta singola’ e comportamenti come ‘risultato di una scelta multipla’[8].” Nella storia alimentare dell’umanità la dicotomia natura/cultura si pone alla stregua della dicotomia tra selvatico/domestico e si riveste ben presto di connotati interpretativi che danno l’idea della costruzione di un dibattito naturalmente ideologico: “L’uomo ‘civile’ si autorappresenta fuori dalla ‘Natura’ ma la Natura stessa diventa, nell’esperienza storica, un modello culturale consapevole, una scelta intellettuale alternativa a quella della Cultura.(…): nel Medioevo europeo, la dinamica selvatico/domestico alimenta un continuo dibattito sui modi di produzione e sulle scelte di vita che essi sottendono. In particolare è assai forte la contrapposizione fra modello produttivo di tradizione greca e romana, fondato sull’agricoltura, e quello germanico basato sullo sfruttamento della foresta (raccolta, caccia, pastorizia)[9].” Possiamo allora affermare con forza ciò che Guido Chelazzi sostiene, a partire dallo studio del processo preistorico, a conclusione del suo bellissimo libro: “abbiamo imparato che contrapporre l’azione dell’uomo ai processi naturali non è giustificato dalla lettura del passato. L’idea che l’uomo non si collochi a priori fuori e in antitesi rispetto alle dinamiche naturali ma che la sua azione sia sempre integrata con quella degli altri processi naturali – e che non sia ‘necessariamente’ negativa – può sembrare blasfema oggi che abbiamo davanti agli occhi un’impronta ecologica che non sembra più avere limiti. L’antitesi natura-uomo domina la letteratura di divulgazione sulle tematiche ambientali e i libri di testo di ecologia. La definizione di ‘impatto antropico sugli ecosistemi’ è una metafora potente e abusata di questa idea che pervade anche molta letteratura scientifica specialistica. (…) L’antitesi è anche pericolosa perché la sensazione – o la pretesa – di essere altro e fuori dalla natura è sempre stato il viatico per le idee del privilegio e del dominio ecologico autorizzato o, per converso, la premessa per la nascita di un senso di colpa che genera utopie ambientalistiche assolutamente improduttive.(…) Nel processo che abbiamo messo in scena l’imputato e il giudice sono la stessa persona, ma si è anche capito che il colpevole e la vittima non si possono separare.[10]” Il vino naturale va nella giusta direzione.


[1] “Nella figura retorica chiamata ossimoro, si applica ad una parola un aggettivo che sembra contraddirla; così gli gnostici parlavano di una luce oscura; gli alchimisti di un sole nero”

Jorge Luis Borges

[2] Diego Fusaro, Johann Gottfried Herder http://www.filosofico.net/herder.htm

Cfr. Pietro Rossi, Cultura, Enciclopedia del Novecento, Treccani in http://www.treccani.it/enciclopedia/cultura_res-885bf1e6-87f0-11dc-8e9d-0016357eee51_(Enciclopedia_Novecento)/

[3] E. Cassirer, Philosophie der symbolischen Formen, Berlin 1923-29 (trad. it. Filosofia delle forme simboliche, a cura di E. Arnuad, Firenze 1967), vol. III, p. 124.

[4] Roland Barthes, Il vino e il latte in Miti d’oggi., Einaudi, Torino 1994 (ed. orig. 1957), pp. 67, 68.

[5] Cfr. Vincenzo Matera (a cura di), Il concetto di cultura nelle scienze sociali contemporanee, Utet, Torino 2008

[6] Thomas Kuhn, The Structure of Scientific Revolutions, Chicago University Press, Chicago 1962 (trad. it. La struttura delle rivoluzioni scientifiche Einaudi, Torino 1969.)

[7] Francesco Remotti, Natura e cultura, Enciclopedia delle Scienze Sociali (1996), http://www.treccani.it/enciclopedia/natura-e-cultura_(Enciclopedia-delle-Scienze-Sociali)/

[8] Ivi.

[9] Massimo Montanari, Il cibo come cultura, Editori Laterza, Bari-Roma 2004, pag. 13

[10] Guido Chelazzi, L’impronta originale. Storia naturale della colpa ecologica, Einaudi, Torino 2013, pp. 269, 270, 271

Le foto sono tratte dall’Archivio storico della città di Torino: http://www.comune.torino.it/archiviostorico/mostre/antologia_immagini_2004/pannello1.html