Esercizi di degustazione (ringraziando per l’ispirazione Raymond Queneau)

Notazioni

Il vigneto è ubicato a 550 metri sul livello del mare all’interno di un piccolo anfiteatro con un’esposizione sud, sud-ovest che raccoglie il Libeccio proveniente dalla Corsica e che conferisce alle uve quella sapidità marina che poi si ritrova pienamente nel vino. I terreni sono ricchi di scheletro, molto permeabili, a reazione acida-subacida e con forte presenza di sedimenti marini. Il clima è mediamente poco piovoso, ad accezione del mese di aprile, cosa che a noi va benissimo e anche al nostro enologo (che è presente, sorridente e ammicca alla battuta). Pensi, poi, che la sommatoria delle escursioni termiche è pari a circa 550°C: per la maturazione fenolica delle uve è semplicemente fantastico – vero Marcello? (l’enologo). Le viti vengono coltivate quasi sdraiate ad un’altezza di 50 centimetri: lavorare in vigna richiede uno sforzo notevole. Nulla è meccanizzato e manca la manodopera in genere e quella specializzata in particolare. Se solo la Regione ci ascoltasse.

Lo lasci un po’ nel bicchiere. Come si apre! Bello ampio e vigoroso, freschezza tesa e marcata. Agrumi, corbezzoli, ginestra, rosmarino, macchia mediterranea, pietra focaia. Tra due anni sarà fantastico. Le è piaciuto?

Litote

Il vigneto, all’interno di un piccolo anfiteatro, non è posizionato così in basso, quasi fosse a ridosso del mare. E non si può certo dire che sia un vino poco saporito con tutto quel vento che prende dalla Corsica, senza poi contare che il terreno non è di terra fine come quelli lungo il litorale adriatico o tirrenico, tanto per dirne una. Piove a catinelle, cosa che fa arrabbiare l’enologo – e ride – (e ride pure l’enologo per commiserazione, prima di distrarsi nuovamente quando parla delle escursioni termiche).  Come può immaginare qua è tutto meccanizzato, a pergola alta: avrei bisogno di assumere dei bambini di 8 anni, se non fosse vietato, tanto sono alte le viti. Ma ‘sti politicanti pensano soltanto ai fatti loro.

Lo trangugi di colpo: bello questo trebbiano dell’Emilia tutto frutti tropicale albicocca disidratata (e ride nuovamente)   

Comunicato stampa

Siamo lieti annunciare la nuova annata di Pinco Pallo! Nella splendida cornice di un anfiteatro battuto dal vento di Libeccio, piccole e antiche viti crescono quasi accovacciate su terreni ricchi di conchiglie antichissime. Un sole meraviglioso, che batte tutto l’anno, favorisce la tintarella e la maturazione delle uve per questo splendido vino a cui contribuisce, da alcuni anni, la supervisione sapiente ed accorta del nostro enologo: Marcello! E tutto senza un soldo di contributi Regionali.

Una meraviglia per il palato: da assaporare lentamente, sotto l’ombrellone o in compagnia degli amici.  Scoprirete una profusione di sentori appaganti e galvanizzanti: a partire dagli agrumi e per finire con la pietra focaia. Non vediamo l’ora di farvelo assaggiare in cantina! Per contatti tel.: ….

Analisi logica.

Il vigneto.

ubicato

550 metri

Libeccio

Corsica

vino

sapidità

Terreni

di scheletro

di sedimenti

marini

Il clima

poco

piovoso

benissimo

Enologo

ammicca

Escursioni

termiche

Maturazione fenolica

Viti

vengono coltivate

quasi

sdraiate

Manodopera

Lo

 lasci

un po’

Bello

ampio

Le

è piaciuto

Apocope

Il vignet è ubicat a 550 metr sul livel del mar all’interno di un piccol anfiteatro con un’esposizion sud, sud-ovest che raccoglie il Libecc provenient dalla Corsic e che conferisce alle uve quella sapidit marin che poi si ritrov pienament nel vin. I terren sono ricchi di scheletro, molto permeabil, a reazion acida-subacid e con forte presenz di sediment marin. Il clim è mediament poc piovos, ad accezione del mes di april, cos che a noi va benissim e anch al nostro enolog (che è presente, sorrident e ammicca alla battut). Pensi, poi, che la sommator delle escursion termic è pari a circ 550°C: per la maturazion fenolic delle uve è semplicement fantastic – ver Marcel? (l’enologo). Le vit vengon coltivat quasi sdraiat ad un’altez di 50 centimetr: lavorar in vign richied uno sforz notevol. Null è meccanizzat e manc la manodop in gener e quel specializzat in particolar. Se solo la Region ci ascoltas.

Lo lasci un po’ nel bicchier. Com si apr! Bell amp e vigoros, freschez tes e marcat. Agrum, corbezzol, ginestr, rosmarin, macchia mediterran, pietrafoca. Tra due ann sarà fantastic. Le è piaciut?

Interrogatorio.

  • Scusi dov’è ubicato il vigneto?
  • A 550 metri sul livello del mare all’interno di un piccolo anfiteatro con un’esposizione sud, sud-ovest
  • L’anfiteatro è forse battuto da qualche vento?
  • Dal Libeccio proveniente dalla Corsica
  • Immagino che il vino sia salato. Vero?
  • Quasi. Sì.
  • E il terreno come è composto?
  • Il terreno è ricco di scheletro, molto permeabili, a reazione acida-subacida e con forte presenza di sedimenti marini
  • Con un terreno così, un’esposizione di quel tipo, il clima deve consentire una maturazione perfetta delle uve.
  • Tenga conto che il clima è mediamente poco piovoso, tranne ad aprile che la sommatoria delle escursioni termiche è pari a circa 550°C: per la maturazione fenolica delle uve è semplicemente fantastico. Vero Marcello? Marcello ci sei?!??
  • Dalle foto ho visto che le viti sono ad alberello: dovete farvi un bel mazzo!
  • Altro che mazzo, infatti nessuno vuole venire a lavorare qui e la Regione non ci aiuta. Dire, poi, alberello è fare quasi un complimento: le viti sono all’incirca sdraiate! E facciamo tutto a mano!
  • Bello e ampio: sento agrumi, corbezzoli, ginestra, rosmarino, macchia mediterranea, pietra focaia. Concorda?
  • E come no!
  • Solforosa?
  • (Che rompicoglioni questo qui!)

აფორიზმები ღვინის შესახებ დან პიეტრო სტარა

Detti sul vino di P’iet’ro St’ara (il me stesso Georgiano)

Papyrus Oxyrhynchus 221, con scolii dal XXI libro dell’Iliade

Non ho più nulla da dire sul vino. Scriverò qualcosa sulla birra.

Alcuni interventi sulla vigna indeboliscono ciò che intendono proteggere.

Talvolta i prodotti applicati al mosto qualunquizzano il vino.

La vera volgarità è dare del tu ad un Barbaresco Crichet Pajé di Roagna.

Sopra una certa cifra la spedizione gratuita pare un’offesa.

Non ho mai capito se sia più importante conquistare i mercati emergenti o salvare i mercati affondanti.

Una volta qualcuno disse che “il peggior vino del contadino è migliore del miglior vino industriale”. Oggi non si potrebbe più dire: vuoi perché molti contadini si sono industrializzati, vuoi perché molti industriali si sono contadinizzati.

Le certificazioni “bio” hanno sparigliato le carte quasi quanto lo scostamento di bilancio.

Le bolle fanno festa, indipendentemente dalla loro finezza, qualità e persistenza. Indipendentemente dal vino che accompagnano.

Dialogo sul vino di Sardegna

Map of the Arctic by Gerardus Mercator. First print 1595, this editon 1623.
  • “Ti andrebbe di comprare dei tannini nobili?”
  • “Dei tannini non so. Sicuramente non nobili: non vorranno certo stare con me e poi non sono nemmeno decaduto”.
  • “Compra dell’armonia. Conosco un posto che vende dell’armonia Pitagorica ad un prezzo contenuto”.
  • “L’armonia mi interessa, ma penso che alla lunga potrebbe rivelarsi noiosa: la teoria aritmetica delle proporzioni numeriche non è meglio di un equilibrista in bilico su di un precipizio immane”.
  • “ I dirupi si vendono a rate. Per gli abissi occorre fare un leasing. Per i baratri non c’è addebito che tenga”.
  • “Qui si tratta di profondità, d’impenetrabilità, di terre non riemerse, di Atlantide e non di rotolare in giù da qualche parte”.
  • “Non ti credere, ma Atlantide è men che meno sprofondata sotto qualche mare appresso le colonne d’Ercole”. 
  • “Quindi mi stai dicendo che alcune profondità di trovano in superficie o che addirittura tutta la complessità è a portata di mano e non ci sarebbero più segreti”.
  • “Tutta o in parte non saprei, ma per catturarne un po’ occorre prendere una barca e andare al di là dell’orizzonte che percepiamo, poi costeggiare una terra riemersa e puntuta, attraversare un altro mare e, infine, toccare terra”.
  • “Però per intraprendere un viaggio così lungo e imprevedibile mi occorre sapere quanti segreti sarò in grado di acquistare”.
  • “Alcuni sicuramente sì, altri, a meno che tu non faccia un giro sotto l’isola, circa ventimila leghe sotto i mari, credo di no”.
  • “Mi accontenterò della superficie e di guardare le stelle perché fino ad ora abbiamo parlato del basso, del medio e nulla dell’alto”.
  • “Dove andremo potrai nitidamente vedere la Cintura di Orione, la Nebulosa di Orione, la Galassia di Andromeda, la Nebulosa della California e le stelle luminose Sirio e Betelgeuse”.
  • “Mi piacerebbe catturare la ciliegia, i fiori rossi, verdi, giualli e blu, la fragola, le erbe fresche appena tagliate, il fumo, l’incenso e la resina dalla pioggia di meteoriti dei Quandrantidi”.
  • “Non dimenticarti di prendere anche l’asprezza e il sale del cammino incendiato del ruscello celeste, senza i quali ti accovacceresti a terra senza poterti più rialzare”
  • “Ne terrò conto a patto di non volare troppo oltre la galassia lattiginosa. Intanto ti aspetto a riva che domattina presto si salpa”.
  • “In ultimo, quindi, dovrei provvedere a comperarti un domattina?”
  • “Un domattina va bene solo per la partenza. Per il viaggio e tutto il resto occorrerebbero alcuni secoli e i vestiti più adatti. Oltre che delle lingue e degli accenti in uso, mi raccomando”.
  • “A domattina. Sul presto non ti dannare: è compreso nel domattina”.
  • “A domattina”.

Vini in due parole

Voirin-Jumel Champagne Tradition Brut : contegnoso e fragrante

Barbera d’Asti – Cascina Barisel 2020: ritratto di famiglia del Novecento

Rossese di Dolceacqua Posau – Maccario Dringenberg 2020: scorrevole e conturbante

Moscatello di Taggia passito Lucraetio – Azienda Agricola Mammoliti: cavalleresco e diacronico

La Farfalla – Rosso Marta Valpiani 2020: festante

Dolcetto di Dogliani DOCG San Fereolo – San Fereolo 2015: prospettico e magniloquente