Ipotesi per dei racconti sul vino

wikipedia commons
International Congress of Progressive Artists 1922. Con il papillon, Hausmann. Con lui Theo van Doesburg, Hans Richter, El Lissitzky, Hannah Höch

Prima ipotesi di racconto.

Giobatta e Amilcare, vignaioli delle Cinque Terre, si incontrano in un bar di Riomaggiore per discutere sui passi da intraprendere per la costituzione di una nuova società viticola che comprenda i loro appezzamenti e che ipotizzi di acquistarne dei nuovi per espandere i commerci. Entrano nel bar e si salutano con un cenno di testa. Si seggono. Si scrutano. Arriva il barista, ma gli fanno cenno di andarsene ché sono occupati: “Torna tra un po’!” – sentenzia Amilcare con tono secco. Giobatta: “Beh, allora….”. Amilcare: “Sì, indubbiamente….”

Pausa di mezz’ora. Silenzio interrotto dallo sciacquio di due bicchieri usati da avventori abituali nella serata precedente.

“Cos’è ‘sto baccano?!?”- interrompe Amilcare.

“Scusa” – bofonchia mesto il barista.

Giobatta, con sospensione d’animo: “S’è fatto tardi. Ne riparliamo”. Amilcare, con tono comprensivo: “Va bene, ciau!”

Escono dal bar in silenzio. Il barista torna a sciacquare i bicchieri.

Seconda ipotesi di racconto.

In un rarissimo trattato filosofico rinascimentale, scritto a quattro mani e non si sa perché, ci sono diversi riferimenti alle proprietà del vino che saranno poi sviluppati dalla scienza moderna, dalla numerologia e dalla dietetica bilanciata priva di grassi saturi.

Il testo rinascimentale, scritto dall’alto in basso, dal basso in alto, in diagonale e da destra a sinistra senza soluzione di continuità (si ipotizza a causa delle quattro mani) è stato decifrato solo recentemente da una equipe di astrofisici balneari di stanza alle Hawaii.

Sulle proprietà del vino il manoscritto dice quanto segue:

a) Il vino è un composto d’umore, di luce e d’allegria sia che lo si beva da soli che in compagnia;

b) Le sbornie cattive sono dovute al vino annacquato pagato come vino puro;

c) Il corpo desidera il vino, l’anima un po’ di meno anche se non lo disdegna;

d) Il vino fa ingrassare solo se accompagnato da: “Primo servito di caldo: Ortolani con fette di pan dorato; Quaglie con sua crostata; Piccioni grossi arrosto; Pollanche d’India arrosto; Fagiani a lanterna; Pollanche affagianate, adornate di bracciuole lardate; Leprotti o conigli lardati alla franzese; Capponi lessi senz’osso coperti di ravioli; Petti di vitella stufati alla moresca; Pasticci all’inglese in forma di pescie; Bianco mangiare in fette; Pasticci di piccioni torraioli a rocca Crostate di cervelle e animelle; Torte verdi alla milanese; Tartara di rilievo; Orecchioni di pasta; Rose di biscotto; Tommacelloni con fegatelli. Secondo servito di caldo: Tordi e allodole con salsiccia Pasticcio a triangolo di carne battuta; Tortole con crosta e sua adornamenti; Crosta di persiche Porchette ripiene; Pollastrelli a uso di pavoncini arrosto; Pasticcio ovato d’oglia potrida; Stame o coturnice alla franzese; Crostata di vitella; Torta d’Inghilterra”;

e) Il vino può essere di tanti colori, ma se è trasparente e incolore dovrebbe essere acqua;

f) Il vino tonifica ed eccita sino alla M={x∈Rn:f(x1,…,xn) = 0}. Dopo di che si rischia di salire a cavallo al contrario;

g) Il vino disinibisce, ma non fa evitare le figure di merda;

h) Qualsiasi malanno tu abbia, curalo con il vino. Non serve a nulla, ma puoi dare la colpa a lui;

i) L’oste non può ricaricare il vino più del f(x,y,z) =x2+y2+z2−1 = 0. Dove x sta per Falerno, y sta per Moscatello di Taggia e z per Nebiol. Il locandiere un po’ di più, ma senza esagerare.

Dalla lettera “l” il manoscritto parla di cose strane.

2 risposte a "Ipotesi per dei racconti sul vino"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.