Quei vini di meraviglioso insuccesso

Screenshot del film “I vitelloni” (1953)
Di Errix – DVD del film, Pubblico dominio, https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=4490030

Arnold Schwarzenegger, noto filosofo nonché culturista, attore e sindaco è uso riconoscere nel successo, così raccontano gli aforismari più in voga, alcune peculiarità tra loro concomitanti e coincidenti: “Lavorare duro, rimanere concentrati e sposare una Kennedy”.

Potremmo sostenere che valga lo stesso, in termini traslati, per la costruzione di un vino di successo: non parlo, però, di quei vini che hanno strutturato le loro fortune nel corso di decenni o, addirittura, di secoli. Ma solo di quelli che oggi, o da brevissimo tempo, vengono impostati, coltivati e sapientemente arredati per avere successo. Da subito: terreno giusto, vigna ancora di più, uve meravigliosamente internazionali o di fama mondiale, ma saldamente ancorate ad una rinomata tradizione peninsulare. Mezzi all’avanguardia, maestranze e tecnici di rara impronta fisica e culturale, enologi ancora di più. Un confezionamento che parli ai tempi che corrono o che correvano, ma senza smancerie verso un passato non comprensibile. A breve giro una stimata e multi sensoriale comunicazione pluri-livello, ad uso simpatica, strafottente e irriguardosa; oppure improntata ad una storia mitica, aristocratica, sapientemente condita da rilevamenti geo-territoriali e da citazioni di riguardo. Aplomb e modestia a parte: “ho gettato due semi in questo terreno poco più che infestato da erbacce aiutato da mio zio di 115 anni e guarda lì che vino è venuto fuori!” Il vino di successo deve essere, per forza di cose, attraente, ben disposto e pigro di testa: deve smussare gli angoli senza arrotondarli troppo, inciccionire la struttura, ma con soave lievità, allargarsi senza alcuno sciabordio, verticalizzarsi senza pungere. E deve irradiare sensibilità diverse in tumultuoso avvicendamento visivo, nasale e palatale: condurrà a quell’ovvio tanto atteso, ma soltanto dopo aver ammiccato ad alcuni scrigni nascosti che soltanto i più temerari sapranno scorgere negli anfratti evolutivi del tempo.

Il successo, dunque, appaga meravigliosamente gli appetiti della vita vissuta ed evita di accollare ai malcapitati una valutazione post-morte tanto vana quanto irragionevolmente fuori tempo. Con la rabbia, nemmeno malcelata, di far godere i frutti del proprio lavoro ad un qualsiasi pronipote invaso dai brufoli e dalla sciatteria adolescenziale.

Ma perseguire stabilmente l’insuccesso è cosa assai più ardua e non meno gratificante: in linea di massima, sarà bene non parlare d’armonia e, ancora meno, di tannini avvolgenti. La morbidezza dovrà essere stipata negli angoli più bui della sensorialità a buon mercato. Le durezze rimanderanno alla vita agra dei prestiti, delle ipoteche, del duro lavoro nelle vigne, del tempo inclemente e dei governi che, ahimè, si succedono senza soluzione di continuità. Ma così come il successo può contenere germi di un prossimo e precipitoso fallimento, allo stesso modo un proficuo e intenso insuccesso può covare imprevedibili spiragli di gloria. Dopotutto, come ricordava Giorgio Manganelli, neppure Shakespeare sapeva di essere Shakespeare.