“Molly’s Game”. The Galaxy scents like raspberries and rum…

Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1473827

You have to watch it!

I imagine that, as for many, this is a period of telematic peregrinations, of spasmodic research of leisure or serious investigation that only mother technology can give. And, in this reconnaissance, I come across “Molly’s game” without knowing much about it except that it develops around a true story, or at least plausible, and about the game of poker.

She, Molly Bloom ( masterfully played by Jessica Chastain), tyrannized by her father Larry (Kevin Costner), psychoanalyst and extremely competitive (two particularly hard conditions to endure at the same time), after failing his sports career, due to a serious accident on the ski slopes in view of participation in the Olympics, directs her extremely intelligent and sharp eye to the game of poker: she becomes, first in Los Angeles and then in New York, the organizer of the gaming tables and the most popular evenings in their respective cities, involving some of the most emblematic figures of them.

Singers, actors, directors, businessmen, scoundrels of every ream and mobster of various kinds are involved. As you can imagine the game grows to such an extent that the political/monetary control becomes more and more complicated for Molly: to have sufficient cash coverage (she is the dealer and the bank at the same time) in a game where the buy-in is 250.000 $ she is forced to take a percentage on the plays which, being illegal in the States (not the organization of private gambling tables), progressively leads her to be placed under attention first by the Mafia, which beats her up and then by the FBI, which brings her to trial.

At no point in the film violence is exhibited as a self-sufficient condition; at no point in the film does verbal vulgarity become a substitute for a lack of ideas. The castle of poker cards, at that point, collapses: Molly will be forced to defend herself in court with the help of Charley Jaffey (Idris Elba) and, indirectly, of her daughter, little big Stella (Whitney Peak). She won’t give names or even surnames, except for some already caught, she will plead guilty, but she will land on her feet, with a hefty bill to pay and a few hours of social services, but no clink time.

Narrations, plot, the hideous spoiler and its most nefarious meaning

There is a hideous term, but it is not the first one, which is Italianization of an English one: spoilerare, meaning the art of revealing the plot, the conclusion, the surprise effect of a movie, a book, or other.

If revealing something about a movie or a book or something else would be tantamount to ruining it, then I honestly think that that book or that movie deserves very little: because if a text is only its outcome, and in the end, there is that little a story has failed to make pleasant and intriguing, then the story is nothing but the conclusion of itself and not its principle, development, and enjoyment. So in “Molly’s Game” it would be reductive to think of the father as the initial and final appearance of the film, as the cause and possible solution (the wonderful analysis on the bench) of the torments and intentions of the young poker manager. The father is always present as well as, and not otherwise, his ego and her ego, her competitiveness and competitiveness, her betrayals, and unfinished betrayals. And the same goes for poker, a place of daring exchanges, of unparalleled skill, of ill-concealed intentions, of compromises, of powers and roles that they specify and that they redefine, of infinitesimal choices that change indefinitely, of the interweaving of plans, among which the legal and illegal one is just one of many, of the distances between fraud, investigations, repressions, and spit, which are then what separates the court and Wall Street, the judge from Wall Street and the judgment on Wall Street and its rules and offenses.

The Galaxy smells like raspberries and rum.

Between a look at the chips and an ear strained to the speeches that spread during the games, Molly updates herself, reads and studies different things: in the story, she tells her lawyer about a near degree in Astronomy, from which she would lack a few credits; and she’s asking more or less like this: “But are you aware that the Universe smells of raspberry and rum?”. So I’m going to look for the news: the discovery is the product of the work of a group of astronomers from the Max Planck Institute for Radioastronomy in Bonn, who brought their maxi telescope on a huge mass of dust and stellar gas to intercept the complex molecules capable of giving rise to life. As in any self-respecting serendipity, you start looking for something and you come across something else: Sagittarius B2 dust cloud residues, at the center of our galaxy, contain a substance called ethyl formate, chemically responsible for the scent of raspberry. “And that’s not all: chemistry manuals explain that this substance not only tastes like raspberries but smells like rum. Astronomers used an IRAM radio telescope in Spain (Institut de Radio Astronomie Millimetrique) to analyze the electromagnetic radiation emitted by a particularly dense area of Sagittarius B2, which surrounded a newborn star. From the radiation coming, the German team found the typical emission characteristics of ethyl formate, an organic compound made of carbon, oxygen, and hydrogen, which are the same elements that are needed to make amino acids. In the same cloud was also intercepted the presence of propyl cyanide, a lethal substance, and the two molecules are the largest ever found in space so far”.

In the end.

In the end, Molly, her brothers, her father, her lawyer, her daughter (I think) celebrate the sentence at the table, when she, looking into those big, sad eyes, asks herself, made a series of considerations about what awaits her from a professional, financial, personal point of view: “What do I do now?” A question that has not leave me indifferent. And these days more so.

“Molly’s Game”. E la Galassia profuma di lampone e di rum

Un film da vedere.

Immagino che, come per molti, questo sia un periodo di peregrinazioni telematiche, di ricerche spasmodiche di svago o di approfondimento serioso che soltanto madre tecnologia può regalare. E, in questa ricognizione, mi imbatto in “Molly’s game” senza saperne più di tanto se non che si sviluppa intorno ad una storia vera, o quantomeno verosimile1, e sul gioco del poker. Lei, Molly Bloom (interpretata magistralmente da Jessica Chastain), tiranneggiata dal padre Larry (Kevin Costner), psicoanalista ed estremamente competitivo (due condizioni particolarmente dure da sopportare nello stesso momento), dopo aver fallito, a causa di un grave incidente sulle piste da sci in vista della partecipazione alle Olimpiadi, la carriera sportiva, dirige il suo sguardo estremamente intelligente ed acuto al gioco del poker: diventa, prima a Los Angeles e poi a New York, l’organizzatrice dei tavoli e delle serate di maggior richiamo delle rispettive città coinvolgendo alcune tra le figure più emblematiche delle stesse. Vi partecipano, infatti, cantanti, attori, registi, uomini d’affari, farabutti di ogni risma e mafiosi di varia sorta. Come potete immaginarvi il gioco si ingrandisce a tal punto che per Molly il controllo politico/monetario diviene sempre più complicato: per avere copertura sufficiente in denaro (lei è il banco e la banca allo stesso tempo) in un gioco in cui il buy-in è di 250.000 dollari è costretta a prendere una percentuale sulle giocate cosa che, essendo illegale negli States (non l’organizzazione di tavoli da gioco privati), la porta progressivamente ad essere posta sotto attenzione prima dalla Mafia, che la pesta per bene e poi dall’FBI, che la porta in giudizio. In nessun momento del film la violenza viene esibita come condizione autosufficiente; in nessun momento del film la volgarità verbale diviene sostituto della mancanza di idee. Il castello di carte da poker, a quel punto, crolla: Molly sarà costretta a difendersi in tribunale con l’aiuto di Charley Jaffey (Idris Elba) e, indirettamente, di sua figlia, la piccola grande Stella (Whitney Peak). Non farà nomi e neppure cognomi, se non di alcuni già pescati, si dichiarerà colpevole, ma ne uscirà in piedi, con un conto salato da pagare e un po’ di ore di servizi sociali, ma niente gattabuia.

Narrazioni, trama, l’orrendo spoiler e il suo più nefasto significato.

C’è un termine orrendo, ma non è il primo, che è italianizzazione di uno inglese: spoilerare, ovvero l’arte di svelare la trama, la conclusione, l’effetto sorpresa di un film, di un libro o di altro. Se svelare qualcosa di un film o di un libro o di qualcosa d’altro equivalesse a rovinarlo allora penso, in tutta sincerità, che quel libro o quel film meritino davvero poco: perché se un testo è solo il suo esito, e nel finale vi è quel poco che una storia non ha saputo rendere piacevole e intrigante, allora il racconto non è altro che la conclusione di se stesso e non il suo principio, sviluppo e godimento. Così in “Molly’s Game” sarebbe riduttivo pensare al padre come comparsa iniziale e finale del film, come causa e possibile soluzione (la meravigliosa analisi sulla panchina) dei tormenti e dei propositi della giovane manager del poker. Il padre è sempre presente così come, e non diversamente, il suo ego e l’ego di lei, la sua competitività e la competitività di lei, i suoi tradimenti e gli incompiuti tradimenti di lei. E lo stesso valga per il poker, luogo di arditi scambi, di inaudite abilità, di mal celati intendimenti, di compromessi, di poteri e di ruoli che essi specificano e che essi ridefiniscono, delle scelte infinitesimali che mutano indefinitamente, degli intrecci fra piani, tra cui quello legale e illegale è solo uno fra i tanti, delle distanze fra frodi, indagini, repressioni e sputi, che sono poi ciò che separa il tribunale e Wall Street ok, il giudice da Wall Street e il giudizio su Wall Street e le sue regole e infrazioni.

E la Galassia profuma di lampone e di rum.

Tra un’occhiata alle fiches e un orecchio teso ai discorsi che si diffondevano durante le partite, Molly si aggiorna, legge e studia di cose diverse: nel racconto che fa al suo avvocato parla di una quasi laurea in Astronomia, da cui le mancherebbero pochi crediti; e domanda più o meno così: “Ma lei è a conoscenza che l’Universo profuma di lampone e di rum?” Allora mi butto a cercare la notizia: la scoperta è il prodotto del lavoro di un gruppo di astronomi del Max Planck Institute per la Radioastronomia di Bonn, che hanno portato il loro maxi telescopio su un’enorme massa di polvere e gas stellare allo scopo di intercettare le molecole complesse capaci di dare origine alla vita. Come in ogni serendipità che si rispetti, si parte cercare qualcosa e ci si imbatte in tutt’altro: residui della nuvola di polvere Sagittarius B2, al centro della nostra galassia, contengono infatti una sostanza chiamata etile formiato, chimicamente responsabile del profumo del lampone. “E non è finita qui: i manuali di chimica spiegano che questa sostanza non solo sa di lampone ma profuma di rum. Gli astronomi hanno utilizzato in Spagna un radiotelescopio IRAM (Institut de Radio Astronomie Millimetrique) per analizzare le radiazioni elettromagnetiche emesse da una zona particolarmente densa del Sagittarius B2, che circondava una stella appena nata. Dalla radiazione proveniente, il team tedesco ha riscontrato le caratteristiche di emissione tipiche dell’etile formiato, un composto organico fatto di carbonio, ossigeno e idrogeno, che sono gli stessi elementi che servono per fare gli amminoacidi. Nella stessa nuvola è stata intercettata anche la presenza di propil cianuro, una sostanza letale, e le due molecole sono le più grandi finora mai trovate nello spazio2”.

Alla fine.

Alla fine, Molly, i suoi fratelli, il padre, l’avvocato, sua figlia (credo) festeggiano a tavola la sentenza, quando lei, volgendo lo sguardo in quegli occhi grandi e tristi, si chiede, fatte una serie di considerazioni su ciò che l’aspetta dal punto di vista lavorativo, finanziario, personale: “E ora che cosa faccio?” Una domanda che non mi ha lasciato indifferente. E di questi tempi di più.

1 La sceneggiatura del film è tratta dal libro autobiografico: Molly’s Game: The True Story of the 26-Year-Old Woman Behind the Most Exclusive, High-Stakes Underground Poker Game in the World.

2 https://www.repubblica.it/2009/04/sezioni/scienze/astrofisica/odore-via-lattea/odore-via-lattea.html