Breve corso di allontanamento dal vino

Primo giorno di scuola 1967
Pubblico dominio, https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=5619644

Breve vademecum corsistico per allontanare, in poche mosse, chiunque dal vino. E alcune di queste mi capitarono.

  1. Imporre un alto costo al corso con relativa implementazione del budget attraverso l’acquisto obbligatorio di gadget e ammennicoli non desiderati; 
  2. Accogliere i corsisti in sale sovraffollate, calde, a visibilità ridotta nelle ultime file/banchi, ancora meglio se intercalate da colonne che ostruiscano la visuale;
  3. Usare aule dotate di luci al neon modello sale di attesa delle stazioni ferroviarie anni ‘80;
  4. Usare aule dotate di rimbombo tipico della grotta segreta di Ulisse sapientemente ampliato da apparecchi fonici appositi;
  5. Proporre sedili scomodi dotati di manubri improbabili e banchi auto-rovescianti;
  6. Proporre classi numerosissime con rapporto docente/discente di almeno 1/92;
  7. Affrontare lezioni mnemoniche, frontali, ripetitive, nozionistiche e centrate sulla lettura dettagliata di dati statistici sulla produzione e sugli affluenti di destra del nebbiolo e su quelli di sinistra del sangiovese;
  8. Parlare con voce piatta, monotona, leggermente cantilenante (beghine style);
  9. Proiettare cartine geografiche a mappatura orizzontale possibilmente colorate in maniera vivida (pastello);
  10. Servire vini mediocri e possibilmente difettosi a scopo didattico;
  11. Sminuire alcune zone produttive: ad esempio dire che i vini che finiscono in “-ino” sono vini del “belino”;
  12. Far compilare schede di valutazione dei vini spiegate con i canoni con cui si affrontano le scommesse Sisal/Totip;
  13. Rispondere in modo arrogante e con ampia sufficienza a domande esposte con estrema semplicità/ingenuità;
  14. Far intendere, nemmeno sotto le righe, che il relatore sa e che il discente non sa e che non saprà mai come sa lui/lei;
  15. Arrivare a lezione mezzi ubriachi e con cattiva digestione (che verrà ampliata dalle dotazioni acustiche rimbombanti);
  16. Chiamare alla lavagna un ignaro corsista privo di attitudini oratorie pubbliche e schernirlo di fronte alla platea; congedarlo con una pacca sulla schiena a mano aperta;
  17. Allontanarsi in bagno con la moglie/marito/amante/fidanzato/a di un corsista durante la pausa;
  18. Affrettare la chiusura;
  19. Allontanare la chiusura raccontando aneddoti personali e familiari non richiesti, oppure dilungandosi in un contenzioso con un corsista vivamente toccato dai vini del “belino”;
  20. Andarsene senza salutare;
  21. Salutare svogliatamente;
  22. Salutare solo quelli belli/belle