Vini pieni e vini sospesi

Ci sono dei vini che irrompono come fossero tempesta: riempiono la bocca, invadono ogni cavità e si insinuano in tutti gli anfratti disponibili. Si compongono e si ricompongono ininterrottamente: affastellano, combinano e connettono sensazioni in impeti percettivi che aggiungono e aggiungono e ancora. Vini barocchi in cui all’uso concatenato di volumi si sommano delle geometrie articolate: sono curvilinei e sinuosi, compiacciono per la loro ripetute e incisive decorazioni, per taluni orpelli, per i principi di verticalità che si adagiano nella seriosità intensa e impenetrabile del frutto. Penso, ad esempio, ad alcune barbera di Asti, come il Baldore 2018 di Marco Rabino, o di Nizza Monferrato, come il Nizza 2015 della Tenuta Olim Bauda.

Fanno a loro contrappunto quei vini che sono vividi di pause, di leggerezze, di sospensioni e di spazi non ricolmi: “L’illusione sì favorevole al Panteon deriva, per quanto si assicura, dall’esservi un maggiore spazio tra le colonne, e d’intorno una libera ventilazione di aria; e soprattutto dal non vedervisi quasi un ornamento minuto, mentre che S. Pietro, all’opposto, n’è sopraccaricato. In tal guisa appunto la poesia antica non disegnava che le moli in grande e lasciava al pensiero dell’uditore il riempir gl’intervalli e il supplire allo sviluppo: noi altri moderni in ogni genere diciamo troppo”. (Corinna ossia L’Italia della signora. Stael Holstein. Tomo 1. [-6.], Volume 1, dai Torchi di Angelo Trani, Napoli 1810)

La loro apparente esilità è composizione voluta dalle nature che ne hanno permesso l’artificio umano. Così come, per altre nature e per altri artifici, i vini di sopra.

Non a caso e non per caso si dice che i vini abbiano una trama e un intreccio come per un racconto, o per una filatura, o per un gioco d’azione: essa può essere molto fitta, dire molto se non già tutto o sospendersi come per un testo pro-messo, un qualcosa che verrà e “il suo venire, sempre futuro, sta nell’accadere attimo per attimo, come in un destino”. (Nicola Gardini, Lacuna. Saggio sul non detto, Einaudi, Torino 2014). L’autore (auctor), cioè il vignaiolo, è il garante di questo destino: “Dell’ordine questo il pregio e questa la bellezza, se non erro: che ora dica quel che ora si deve dire e rimandi il resto e per il momento lo ometta, una cosa mando e l’altra respingendo l’autore dell’opera promessa”. (Orazio, Ars poetica).

Ecco allora che questi spazi, queste aperture e storie in divenire sono narrate da alcuni vini che lasciano “a te a disegnar la strada che le cose avrebbero dovuta prendere per arrivare dove sono arrivate”. (Alessandro Manzoni, Del romanzo storico e, in genere, de’ componimenti misti di storia e d’invenzione, Opere Varie, Fratelli Rechiedei, Milano 1870)

E tra questi vini sospesi, mi vengono in mente il Rossese di Dolceacqua Superiore Luvaira 2016 di Maccario Dringenberg, il Frappato 2018 di Cos, il Pelaverga (quello nuovo per forza di cose) di Cascina Melognis degli amici Michele e Vanina e l’incredibile Rosato 2018 di Bonavita, che si è insinuato nel racconto di una bellissima serata.  

4 risposte a "Vini pieni e vini sospesi"

  1. i vini sospesi hanno più fascino, poiché sono più soggettivi, ti mettono in discussione maggiormente, però a volte serve la pienezza di un cotechino che sazia e non ci fa troppe domande…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.