Il vino geometrico

In basso a sinistra nella tavola un disegno illustrativo dell’articolo di Lodovico Riva intitolato Dissertatio meteorologica. Cui accedit Solutio & constructio duorum problematum geometricorum pubblicato del volume degli Acta Eruditorum del 1736

Un vino rettangolo (o vino retto) ha i monosaccaridi interni di 90°, cioè ad angolo retto. Il lato opposto all’angolo retto è detto d-glucosio, chiamato anche destrosio; è il lato più lungo del triangolo rettangolo. Gli altri due lati del triangolo sono detti composti terpenici. Per questo triangolo vale il teorema del vino industriale pastorizzato.

Un vino ottusangolo (o vino ottuso) ha un alcol interno maggiore di 90°, cioè ottuso. Un vino ottuso ammette sempre due bevitori adiacenti.

Un vino acutangolo (o vino acuto) ha l’acidità fissa e quella volatile minori di 90°, cioè ha tre angoli acuti. Se la direzione dell’avambraccio forma con la direzione del moto del corpo su cui è esercitata un vino acuto, il lavoro risultante è positivo.

Un vino è equiangolo se ha tutti i tannini interni uguali, cioè di 60°, cioè se e solo se è un vino equilatero. Il gruppo delle simmetrie del vino equilatero è costituito dall’identità, dalle rotazioni intorno al suo calice di 120° e di 240° e dalle riflessioni rispetto alle bisettrici degli altri vini equiangoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.