Lo stallo catalano o della “partita patta”

 

Secondo il regolamento della F.I.D.E (Federazione Internazionale degli Scacchi) una partita è patta quando si verificano le seguenti situazioni:

  1. a. La partita è patta quando il giocatore che ha il tratto non ha mosse legale e il suo Re non è sotto scacco. Si dice che la partita finisce per ‘stallo’. Ciò termina immediatamente la partita verificato che la mossa che ha prodotto lo stallo sia una mossa legale. Secondo la Corte Costituzionale Madrilena la mossa indipendentista catalana non è legale, per cui il primo incontro viene vinto dagli unionisti con lo scioglimento del campo avversario e l’indizione delle nuove elezioni. La vittoria è stata decisa da un tribunale nazionale, benché la controparte avesse affermato che la piena legalità di un mezzo riconosciuto dal proprio ordine statuale. La monarchia madrilena non riconosce alcun altra forma regale al di fuori di se stessa. Seguono gli arresti degli Alfieri, dei Cavalli e delle Torri catalani. Il “re” designato fugge in Belgio
  2. b. La partita è patta quando si raggiunge una posizione in cui nessuno dei due giocatori può dare scaccomatto all’avversario con una qualsiasi serie di mosse legali. Si dice allora che la partita finisce in ‘posizione morta’. Ciò termina immediatamente la partita, verificato che la mossa che ha prodotto la ‘posizione morta’ sia una mossa legale. Questo, a quanto pare, è il risultato delle elezioni catalane: vincono tutti. Il paese è spaccato in due, anche se con un apparente vantaggio di una parte sull’altra: il favore numerico dei pedoni catalani non consente, per via legale, di dare scaccomatto al re Madrileno
  3. c. La partita è patta per accordo tra i due giocatori durante la partita. Ciò termina immediatamente la partita. Di solito sono accordi che passano nelle retrovie della partita, quando i due giocatori, dopo essersi insultati davanti all’arbitro, trovano un accordo di massima nei bagni della società scacchistica che li ospita. Alla luce del sole non vi è alcun accordo possibile.
  4. d. La partita può essere dichiarata patta se un’identica posizione sta per apparire o è apparsa sulla scacchiera almeno tre volte. E’ un’ipotesi futuribile, ma non da escludere completamente. Governicchi che governano senza grandi intese né pretese possono portare, alla lunga, ad una situazione prolungata di apparente immobilismo.
  5. e. La partita può essere dichiarata patta se almeno le ultime 50 mosse consecutive di ciascun giocatore sono state fatte senza alcuna spinta di pedone e senza alcuna cattura. E’ un caso tipicamente italiano, ma da cui gli abitanti in terra ispanica potrebbero trarre giovamento e beneficio in una prospettiva a lungo termine. Significa anche girarci intorno. Nel gioco degli scacchi c’è la variante dello scacco perpetuo che ha un sapore mistico.

Ricordo, per concludere, che nell’antico gioco degli scacchi non era previsto lo stallo: chi ci finiva per colpa perdeva la partita per essersi messo in una posizione di sfavore. Nel nuovo medioevo contemporaneo questa è una soluzione che non si può escludere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...