Tag

, , ,

Charlie Chaplin in una scena del film Il grande dittatore (1940)

Charlie Chaplin in una scena del film Il grande dittatore (1940)

Dopo che il quotidiano “Il Giornale” ha allegato il Mein Kampf di Adolf Hitler all’edizione di sabato scorso, una buona parte della polemica si è concentrata sulla liceità o meno di pubblicare quel testo e, conseguentemente a ciò, sulla libertà di stampa. Senza volersi inerpicare sulle soglie dei diritti concretamente formali e universalmente astratti, mi è parso un dibattito privo di alcune ragioni di fondo che toccano tematiche assai lontane dalle ragioni meramente civilistiche. La giustificazione sulla pubblicazione del Mein Kampf di Sallusti, direttore del giornale, contiene in sé parte del problema: “I negazionisti rimuovono la storia scomoda, gli uomini liberi la affrontano, la studiano, la giudicano con la severità che merita.” Veniamo così al primo punto: il Mein Kampf avrebbe la capacità di spiegare se stesso. Un lettore ignaro di storia, finalmente, avrebbe la possibilità di iniziare a capire in maniera critica il nazismo attraverso lo scritto del suo più importante artefice. La prefazione di Francesco Prefetti fungerebbe, in questo caso, da antidoto ad una lettura condizionata e apologetica del testo.

Gérad Genette, critico letterario e saggista francese, dedica alcuni scritti sul paratesto, specificandolo in due categorie: peritesto ed epitesto. Ciò che le distingue è la loro collocazione. Il peritesto è tutto ciò che si trova nello spazio del volume: nome dell’autore, titolo, dedica, epigrafe, prefazione, note ecc. Invece l’epitesto, pur riguardando il testo, trova spazio solo al suo esterno, o in ambito mediatico (interviste, dibattiti, conversazioni) o in forma di comunicazione privata (corrispondenza, giornali intimi ecc.). Nel suo studio sui confini del testo,  Genette  fornisce una definizione di prefazione: “Chiamerò qui prefazione, con una generalizzazione del termine più frequentemente usato in francese, qualsiasi specie di testo liminare (preliminare o postliminare),autoriale o allografo, che consiste in un discorso prodotto a proposito del testo che lo segue o precede” (Gérard Genette, Soglie. I dintorni del testo, Einaudi, Torino 1989. Titolo originale: Seuils, Editions du Seuils, Paris 1987, pag. 203). Questo “vetro prefativo” è  come una lente per accorciare le distanze o un  filtro che ne piega il senso, ma anche uno schermo che lo opacizza per mettere in primo piano il prefatore e l’operazione di appropriazione che esso viene conducendo. E’ facile attraversarlo, se ci si vuol far condurre per mano attraverso una lettura  guidata. Lo si salta a piè pari nel caso in cui si voglia avere un rapporto non mediato con il testo. In questo secondo caso la lettura, apparentemente  pura, si serve dei codici interpretativi che ogni lettore ha a disposizione per sé, a partire dalla sua storia, dalle sue letture, dall’impronta ideologica personale e così via. Oppure, allo stesso tempo, dalle sue non letture, dalle sue cedevoli mancanze ed assenze. In questo senso una lettura “non mediata” del Mein Kampf può assumere direzioni radicalmente opposte, ancorché apologetiche o di intimo riconoscimento. Proprio perché quel testo è impossibilitato a spiegare ciò che ha contribuito a generare, in quanto totalmente  e  internamente solidale: “Più che di un limite o di una frontiera assoluta, si tratta di una soglia, o – nelle parole di Borges a proposito di una prefazione – di un ‘vestibolo’ che offre a tutti la possibilità di entrare o di tornare sui propri passi. ‘Zona indecisa’  tra il dentro e il fuori, essa stessa senza limiti rigorosi, né verso l’interno né verso l’esterno, margine, o come diceva Philippe Lejeune, ‘frangia del testo stampato che, in realtà, dirige tutta la lettura’  (Soglie pag. 4)” Altro ruolo assume invece il titolo, ma con una differenza fondamentale: “mentre il testo si rivolge esclusivamente ai lettori, il titolo si rivolge a molte più persone, che in un modo o in un altro lo ricevono e lo trasmettono, e partecipano così alla sua circolazione. Se il testo è un oggetto di lettura, il titolo, come d’altra parte il nome dell’autore, è un oggetto di circolazione – o, se si preferisce – un soggetto di conversazione. (Soglie pag. 75 )”. Autore e titolo sono contenuto e circolazione dello stesso. E divengono, nel contempo, legittimità di quanto veicolato, proprio nella misura in cui il veicolante, “il Giornale”, se ne fa, liberamente, democraticamente e criticamente, divulgatore. I caratteri gotici divengono la sola condizione in cui la parola tedesca può essere impressa. Il titolo è dunque testo  e didascalia della foto in copertina: braccia conserte e volitive  che mostrano il simbolo nazista a misura del trionfo della volontà nella storia. Partito con evidenti intenti commerciali, nel tentativo sicuro  di far parlare di sé, il Mein Kampf distribuito da “il Giornale”, andrà ben oltre gli azzardi di addomesticamento mercantile a cui il quotidiano si era preposto di vigilare.