federale«… io ho preso di te quella vendetta che ho potuto, non quella che tu meritavi, ché il tuo fallo deveva negli occhi di tutto il popolo esser con l’ardenti fiamme purgato».
Matteo Bandello, Novelle

Dietro quel pugno, quello che è stato, ci sono mille e mille anni addietro: vendetta premeditata, apertamente annunciata, pubblicamente eseguita. E poi rivendicata. Mille anni e ancora mille di tenebre, di oscurantismo, di oscena platealità che lava nel sangue l’onta al proprio narcisismo. “E’ un cretino illuminato da lampi di imbecillità”, scrisse un giorno Flaiano. “Un cretino illuminato dà lampi di imbecillità”, aggiungo io. La buttiamo sul ridere?

La foto è tratta dal film di Luciano Salce “Il federale”